loader image

Tarocchi del destino: 
solo il migliore cartomante li può leggere

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Come inizializzare un nuovo Mazzo di Tarocchi​

Introduzione

Molti mi chiedono perché uso sempre gli stessi mazzi di carte e non ne prendo mai di nuovi. Ecco il motivo. Per un cartomante cambiare il suo mazzo di carte diventa un cosa molto difficoltosa.

Guarda attraverso le carte

Il più delle volte, la prima cosa che faccio quando prendo un nuovo mazzo di carte è riservare un po’ di tempo tranquillo per guardarle bene. Concediti un uno o cinque minuti in cui non sarai interrotto. Spegni il telefono, magari prendi un quaderno e una penna se senti il ​​bisogno di prendere appunti o due. Stacca il cellofan, apri la scatola e guarda cosa trovi all’interno.

Prenditi un momento solo per essere curioso del tuo mazzo. Quali carte attirano la tua attenzione? Quale opera ami subito? Quali immagini trovi confuse o contrastanti? Quali immagini sono immediatamente familiari e quali sfidano le tue idee su cosa potrebbe significare una carta? A questo punto, potresti decidere che è un buon momento, se ne viene fornito uno, per leggere il libro del tuo mazzo. Mi piace dare un’occhiata alla descrizione del lavoro di un creatore di mazzi. Ogni creatore di tarocchi apporta una sensibilità unica alla sua creazione, e quando incontri per la prima volta un mazzo, esplorare la scrittura del suo creatore è un ottimo modo per avere un’idea di come il mazzo potrebbe sentire e lavorare. (Detto questo, non dimenticare che svilupperai la tua relazione con queste carte che hai scelto. Il creatore può dichiarare la sua intenzione e offrire le sue idee sui significati delle carte, ma come imparerai il tuo mazzo, creerai le tue associazioni e svilupperai il tuo senso dei significati delle carte. Quindi, non sentirti come se avessi bisogno di prendere tutto come fosse il vangelo!)

Benedici, consacra o carica il tuo mazzo

Ci sono un milione e 1 modi per preparare ritualmente il tuo mazzo per l’uso, ma qui ci sono solo alcuni che mi piacciono. Tutti questi metodi saranno migliorati apportando una piccola intenzione al processo, quindi ti consiglio di dedicare del tempo quando sei tranquillo e non sarai disturbato per purificare e caricare il tuo mazzo. Potresti voler meditare per alcuni minuti (o più) prima d’iniziare in modo che la tua mente sia chiara e fresca.

Inoltre, durante tutto il processo, parla con il tuo mazzo! Cosa stai ottenendo facendo questo rituale? Che tipo di relazione speri di costruire con le tue carte? Dove vuoi che ti porti il ​​viaggio dei tarocchi? Mentre purifichi e carichi il tuo nuovo mazzo di tarocchi, è una buona idea infondergli queste speranze e intenzioni parlando ad alta voce o semplicemente concentrandoti su di esse nella tua mente.

Carica le carte nella Luna Piena

Le lune piene sono periodi potenti per sfruttare l’energia di picco del ciclo lunare, e molti lettori trovano anche che la luce brillante della luna durante questa fase abbia vibrazioni purificanti e di compensazione. Quindi, ne ottieni due al prezzo di uno: il tuo mazzo viene ripulito da qualsiasi energia opaca persistente e alimentato dalla luce più intensa della luna.

Controlla la data e l’ora della luna piena nella tua posizione (io uso timeanddate.com o l’app Full Moon). Prima di mettere fuori il mio mazzo per il “bagno di luna” (Mi piace chiamarlo così), mi piace assicurarmi che tutte le carte siano in ordine: maggiori 0-21 e minori asso-re nell’ordine di bastoni, coppe, spade e oro (se il tuo mazzo è nuovo di zecca, potrebbe essere già in ordine). Una volta che sei felice e il tuo mazzo è sistemato come desideri, posizionalo da qualche parte, come su un davanzale, dove potrà crogiolarsi alla luce brillante e potente della luna.

Suggerimento plus: puoi anche usare il sole per pulire e caricare il tuo mazzo! In un pomeriggio luminoso, lascia che il tuo mazzo prenda dei raggi solari con l’intenzione di rinfrescarlo. Fai attenzione, però, a non lasciarlo fuori troppo a lungo: la stampa del tuo mazzo potrebbe sbiadire se viene esposta al sole per lunghi periodi.

Cancella e carica con i cristalli

A molte persone piace usare i cristalli per ripulire, assorbire energia e per caricare le loro carte dei tarocchi con un’intenzione particolare. Cristalli come quarzo trasparente, selenite e ossidiana sono ottimi per assorbire le vecchie vibrazioni e pulire l’ardesia energetica, mentre ad alcuni cartomanti piace migliorare il potere intuitivo dei loro nuovi mazzi caricandoli con pietre intuitive come l’ametista o la labradorite.

Dopo aver selezionato le pietre che desideri utilizzare, disponile sopra o intorno al tuo mazzo e lasciale riposare un po’. Mi piace metterle sul mio tavolo di sensitivo o aggiungere i cristalli in un rituale di carica della luna piena. Ad alcuni cartomanti piace tenere anche un quarzo chiaro o un’altra pietra detergente con il loro mazzo quando viene riposto.

Purificato con l’incenso

Uno dei miei metodi preferiti per pulire un mazzo di tarocchi è immergerlo nel fumo sacro. Personalmente, mi piace usare l’incenso, ma alcuni cartomanti preferiscono la salvia, il palo santo o altre erbe o mazzetti di legno (attenzione, molti di questi prodotti sono raccolte a scapito dei loro habitat quindi fai la tua ricerca e procurati fasci di erbe etiche ove possibile o ancora meglio, coltiva e asciuga le tue! Questa è anche una buona opportunità per ricercare eventuali rituali di pulizia del fumo che i tuoi lignaggi potrebbero avere usato, piuttosto che prendere in prestito dalle tradizioni di un’altra cultura).

Accendi il tuo incenso e lascia che il suo aroma penetri nel tuo spazio. Quando sei pronto, tieni le tue carte nel fumo mentre si alza e immagina che porti via qualsiasi energia bloccata o stantia. Visualizza il fumo che ripristina le tue carte e le fa maturare per ricevere le tue intuizioni.

Un Nuovo Amico

Ottenere un nuovo mazzo di tarocchi è un po’ come farsi un nuovo amico. Hanno tutti le loro qualità e peculiarità e parte del legame con il tuo mazzo sta iniziando a conoscere la sua personalità unica. Uno dei modi in cui mi piace dire “Piacere di conoscerti!” A un nuovo mazzo di tarocchi è un’intervista diffusa.

Le domande sono:

  • Parlami di te. Qual è la tua caratteristica più importante?
  • Quali sono i tuoi punti di forza come mazzo?
  • Quali sono i tuoi limiti come mazzo?
  • Cosa sei qui per insegnarmi?
  • Come posso imparare al meglio da te e collaborare con te?
  • Qual è il potenziale esito del nostro rapporto di lavoro?

Estrazione Giornaliera

Un’intervista diffusa è un ottimo modo per rompere il ghiaccio, ma uno dei modi migliori per costruire su quel primo incontro con il tuo nuovo mazzo di tarocchi è fare un’estrazione giornaliera. Imparare i tarocchi, che sia da zero o semplicemente conoscere un nuovo mazzo, può essere davvero travolgente e un’estrazione giornaliera ci consente di fare solo un po’ ogni giorno per costruire lentamente la nostra competenza e familiarità.

Personalmente, mi piace tirare fuori una carta ogni mattina per vedere su cosa potrei concentrarmi o essere consapevole per la giornata. Potresti preferire tirare una carta durante il pranzo o prima di andare a letto – ogni volta che ti va bene! Potresti chiedere: “Cosa devo sapere oggi?” o “Quale approccio o qualità potrei provare a coltivare oggi?” o anche “Quale carta dei tarocchi vuoi che studi oggi?”

Potresti voler registrare le tue estrazioni giornaliere nel tuo diario dei tarocchi, nel tuo calendario o sui social (puoi trovare i miei rapporti meteorologici giornalieri sui tarocchi su Instagram), e potresti voler rivedere le tue note di volta in volta per vedere come la tua connessione con e la comprensione del tuo nuovo mazzo si è evoluta nel tempo.

Un corso assieme

Quindi, hai esaminato il tuo mazzo, ripulito, intervistato e fatto alcune estrazioni giornaliere. Ora cosa fare?

Lavorare a stretto contatto con un mazzo per mesi (o anche anni) può produrre una relazione e una comprensione profonde tra cartomante e carte. È una cosa bellissima! Quando siamo appena agli inizi, però, quel lavoro può sembrare un po’ amorfo tipo, cosa dovremmo fare con questo mazzo di tarocchi ora che ce l’abbiamo?

Se, come me, hai bisogno di un po’ di struttura per i tuoi studi, potresti metterti in ginocchio e fare un corso di studi con il tuo mazzo. Potrebbe trattarsi di un corso vero e proprio, tenuto online o di persona, o potrebbe essere un libro sui tarocchi solo tuo o con alcuni amici con cui lavori per un periodo di tempo.

Altri interessanti articoli di Massimo

La ruota della fortuna

Arcani Maggiori – 10 La ruota della fortuna

PAROLA CHIAVE DIRITTO:

Buona fortuna, karma, cicli di vita, destino, un punto di svolta

PAROLA CHIAVE REVESCIO:

Sfortuna, resistenza al cambiamento, cicli di rottura

l'Eremita

Arcani Maggiori – 9 L’Eremita

PAROLA CHIAVE DIRITTO: Ricerca dell’anima, introspezione, solitudine, guida interiore

PAROLA CHIAVE REVESCIO: Isolamento, solitudine, ritiro

Massimo il miglior Cartomante

Cosa sono le carte dell’oracolo?

Se ti è mai capitato di leggere i tarocchi, di guardarne o di mettere “mi piace” a una illustrazione che sembra complicata su Instagram,  sicuramente avrai visto le carte dell’oracolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *