loader image

Tarocchi del destino: 
solo un bravo cartomante li può leggere

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

I Tarocchi d'oro. Il mazzo più antico!

I Tarocchi d’oro

Il mazzo di tarocchi d’oro fu commissionato intorno al 14001451 dalle famiglie Visconti e Sforza, ed è uno dei più antichi mazzi di tarocchi esistenti.

Veri e propri capolavori del Tardo Medioevo i mazzi di carte Visconti-Sforza sono i più antichi tarocchi al mondo sopravvissuti. La loro storia inizia quando le carte dei Tarocchi facevano già parte della cultura popolare. Da oggetti poveri, senza particolare valore e dal puro scopo ludico, le carte risvegliarono l’interesse delle nobili famiglie italiane che le resero, nel tempo, veri e propri inestimabili gioielli.

Sotto, la Papessa del Mazzo Visconti-Sforza:

I Tarocchi d’oro sono molto più che semplici immagini su carte, le immagini sono simboli fisici per letture spirituali.

Esse divennero successivamente parte fondamentale del patrimonio artistico-culturale italiano ha testimonianza dei legami fra le due dinastie che governarono la città di Milano.

I mazzi Visconti-Sforza furono certamente d’ispirazione per la creazione, successivamente, dei tarocchi marsigliesi, i più noti e utilizzati ancora oggi. 

Sebbene sia chiaro che, soprattutto grazie ai pregevoli mazzi Visconti-Sforza e alla loro scoperta e conseguente datazione, ci fu chi, in seguito, lì datò indietro fino all’antico Egitto, conferendogli un significato spirituale e profondo.

Questo affascinante strumento di divinazione “I TAROCCHI D’ORO” è composto da 78 carte che riproducono perfettamente il mazzo originale conservato al museo di antichità di Milano.

Ma chi sono i Visconti ed i Sforza e cos’hanno rappresentato per il Ducato di Milano ?

Nella storia del Ducato di Milano i Visconti e gli Sforza sono stati senza alcun dubbio figure di notevole rilievo. I Visconti ebbero infatti un ruolo fondamentale nell’espansione dei territori del Ducato di Milano alla fine del XIV secolo. Ma questa è un’altra storia che vi racconterò nel prossimo articolo.

 

Altri interessanti articoli di Massimo

la-giustizia-tarocchi

Arcani Maggiori – 8 La Giustizia

PAROLA CHIAVE DIRITTO: Giustizia, correttezza, verità, causa ed effetto, legge

PAROLA CHIAVE REVESCIO: ingiustizia, mancanza di responsabilità, disonestà

Il Carro

Arcani Maggiori – 7 Il Carro

PAROLA CHIAVE DIRITTO: controllo, forza di volontà, successo, azione, determinazione

PAROLA CHIAVE REVESCIO: autodisciplina, opposizione, mancanza di direzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *